Il Congresso di Vienna del 1814

Nel 1814 gli Stati che avevano vinto contro Napoleone decidono di riunirsi a Vienna per parlare dell’Europa. Gli stati sono Austria, Prussia, Russia, Inghilterra e Francia. Il personaggio più importante del Congresso è Metternich, il primo ministro dell’Austria. Durante il congresso si prendono due decisioni importanti:

  1. tutti i re cacciati da Napoleone dovevano tornare sul loro trono ( principio di legittimità)
  2. nessuno stato europeo doveva essere più forte di un altro ( principio dell’equilibrio)

Il Congresso di Vienna finisce nel 1815. Austria, Prussia e Russia decidono di formare al “Santa Alleanza” per difendersi da ribellioni e minacce.

L’Italia dopo il Congresso di Vienna è quasi tutta dell’Austria: Lombardia e Veneto fanno parte dell’Impero d’Austria, quasi tutti gli altri stati sono governati da parenti dell’imperatore d’Austria.

La Restaurazione
Il Congresso di Vienna del 1814
L’Europa durante la restaurazione
Le società segrete
I moti del 1820 e del 1821
I moti del 1830 e del 1831
Giuseppe Mazzini
Situazione dell’Europa nel 1800

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.