Situazione dell’Europa nel 1800

La borghesia diventa sempre più ricca, mentre gli operai rimangono poveri, vivono nelle periferie della città in casupole malridotte e non hanno alcun aiuto. Se si ammalano non vengono pagati e gli anziani sono costretti a lavorare perchè non ricevono la pensione.

Alcune persone iniziano ad osservare la situazione degli operai e cercano una soluzione. Queste persone vengono chiamate socialisti. Con I socialisti nascono I sindacati e gli operai cominciano a lottare per avere un salario più alto e lavorare meno ore. Per essere ascoltati dai padroni gli operai fanno sciopero.

In questo periodo Karl Marx, un filosofo tedesco, scrive “Il Manifesto del partito comunista”. Egli dice che gli operai devono ribellarsi, tolgliere il potere ai borghesi e far nascere una società comunista in cui tutti sono uguali e le fabbriche appartengo a tutti gli operai.
Le idee di Marx sono dette Comuniste.

La Restaurazione
Il Congresso di Vienna del 1814
L’Europa durante la restaurazione
Le società segrete
I moti del 1820 e del 1821
I moti del 1830 e del 1831
Giuseppe Mazzini
Situazione dell’Europa nel 1800

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.