La rivoluzione industriale

In Inghilterra nel ‘700 iniziano cambiamenti nel modo di lavorare e nella società che prendono il nome di “Rivoluzione industriale”.

Le cause della Rivoluzione industriale in Inghilterra sono:

  • La presenza di materie prime come ferro e carbone
  • La disponibilità di denaro
  • La disponibilità di manodopera
  • I miglioramenti tecnologici ( macchina a vapore)

Nel’700 gli uomini costruiscono macchine nuove, capaci di sostituire l’uomo e di velocizzare il lavoro. Le prime macchine furono usate nell’industria tessile e per l’estrazione dei minerali. Da allora il lavoro a domicilio venne abbandonato: gli operai dovevano lavorare tutti nello stesso luogo per poter utilizzare le macchine perciò nacquero le prime fabbriche.

L’invenzione più importante di questo periodo fu la macchina a vapore, costruita da Watt nel 1775; essa funzionava a carbone.

Per agevolare l’industria aumentò l’estrazione di carbone dalle miniere e migliorarono le reti stradali.

In fabbrica gli operai svolgevano un lavoro diverso da quello degli artigiani:

l’artigiano produceva un oggetto seguendo tutte le fasi della lavorazione, impiegando perciò molto tempo

gli operai si dividono il lavoro, ciascuno svolge solo una fase e per questo produce molto di più.

Conseguenze della rivoluzione industriale:

  1. i proprietari delle fabbriche si arricchiscono sempre più
  2. gli operai vengono pagati poco e vivono in miseria. Vengono chiamati “proletari” perché non possiedono altro che la prole, cioè i figli.
  3. nascono grandi città soprattutto vicino alle miniere di carbone
  4. inizia l’inquinamento dell’aria e dell’acqua

gli operai erano pagati male, erano costretti a molte ore di lavoro (14 o più) in ambienti malsani. Chi si ribellava veniva licenziato. Lavoravano anche i bambini, che costavano molto meno.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.