Territorio italiano: l’agricoltura

Nel corso dei secoli l’uomo ha cercato di utilizzare ogni lembo di terreno, terrazzando pendii, bonificando paludi. Oggi circa la metà del territorio italiano è occupata da campi. A volte la divisione del terreno risale al tempo dei Romani (centurie).

La produzione italiana però non basta: siamo costretti ad importare dall’estero cereali, carne, latticini, frutta.

TIPI DI AGRICOLTURA:

promiscua: grande varietà di coltivazioni su piccole estensioni

specializzata: presenza di uno o pochi prodotti

estensiva: grandi distese di terreno coltivate con poche macchine e senza prodotti

chimici:la produttività è bassa

intensiva: forte uso di macchine e prodotti chimici: la produttività è alta.

TIPI DI ORGANIZZAZIONE:

Mezzadria: il proprietario della terra fornisce casa e campi al contadino . Egli lavora con l’aiuto della famiglia e divide spese e guadagni con il proprietario. La proprietà è spezzata in piccoli poderi ed è difficile praticare l’agricoltura intensiva. La mezzadria è diffusa soprattutto al centro-nord, ma sta scomparendo.

Latifondo: il proprietario possiede molta terra e non la sfrutta intensivamente. A volte ne lascia una parte incolta. Vi lavorano pochi contadini stabili e molti lavoratori stagionali. Il latifondo è diffuso soprattutto al sud.

Aziende di piccole dimensioni: vi lavorano gli stessi proprietari, chiamati COLTIVATORI DIRETTI.

Grandi aziende: si trovano nella bassa Pianura Padana e in Puglia. Sono specializzate e praticano l’agricoltura intensiva.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.