l’impresa dei Mille

Nel 1860, Garibaldi, insoddisfatto dalla fine della guerra e sollecitato dalle richieste dei patrioti siciliani, decise di liberare il sud con l’aiuto di un migliaio di volontari. Il re e Cavour erano al corrente dell’impresa ma non vi aderirono ufficialmente per non pagare le conseguenze di una sconfitta.

Garibaldi salpò da Quarto, presso Genova, e dopo aver fatto rifornimento di armi a Talamone, in Toscana,sbarcò a Marsala, in Sicilia. In breve occupò Palermo e vi fondò un governo provvisorio sotto la guida di Francesco Crispi, poi battè gli eserciti Borbonici a Milazzo, passò lo stretto di Messina e si diresse verso Napoli, costringendo il re Francesco II a rifugiarsi nella fortezza di Gaeta.

Intanto in Sicilia le masse dei contadini insorgevano chiedendo la distribuzione delle terre di proprietà dei nobili. I garibaldini però temevano che aiutare i contadini significasse inimicarsi l’aristocrazia e spingerla dalla parte dei borboni. Le rivolte perciò furono represse nel sangue, come a Bronte, dove l’esercito di Nino Bixio catturò e fucilò tutti gli insorti.

Le notizie dei successi di Garibaldi giungevano in Piemonte: Cavour per evitare che le “giubbe rosse” giungessero a Roma o fondassero uno Stato indipendente dal Piemonte pensò che fosse il momento di intervenire.

Vittorio Emanuele II si diresse con l’esercito verso sud occupando al passaggio Marche ed Umbria. Nel frattempo i garibaldini sconfiggevano definitivamente le truppe borboniche sul Volturno.
A Teano il re incontrò Garibaldi, il quale lo salutò chiamandolo “re d’Italia” e affidandogli tutte le terre conquistate.

Attraverso plebisciti Umbria, Marche, Sicilia e regioni del sud furono annesse al Piemonte.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.