L’economia dell’Italia nel periodo fascista

Inizialmente Mussolini favorì il libero scambio, in seguito però, per diminuire l’inflazione e i debiti verso l’estero adottò una politica protezionistica.

Quando nel 1929 una grave crisi economica colpì l’Europa, egli ordinò opere di bonifica dei terreni paludosi per accrescere le aree coltivabili e potenziò i lavori per la costruzione di strade e ferrovie. In questo modo creò posti di lavoro, ma i salari erano i più bassi d’Europa.

Inoltre Mussolini introdusse l’autarchia, un sistema economico in cui una nazione produce tutto il necessario senza acquistare nulla all’estero. Poiché l’Italia è povera di materie prime ed era arretrata sul piano tecnologico, cominciarono ad essere prodotte merci scadenti a caro prezzo. In questo modo i problemi economici si aggravarono.

Infine, Mussolini vole mantenere l’economia italiana legata all’agricoltura, perchè erano i grandi proprietari terrieri i suoi maggiori sostenitori, ma in questo modo la condannò all’arretratezza rispetto agli altri Paesi europei.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.