La seconda guerra d’indipendenza (1859)

Poiché la Francia aveva promesso di aiutare il Piemonte solo in caso di attacco da parte dell’Austria, Cavour fece di tutto per provocarla: ammassò truppe sul confine e creò un corpo di volontari al comando di Garibaldi(i “Cacciatori delle Alpi”); inoltre il re Vittorio Emanuele II in un discorso disse di non essere insensibile al “grido di dolore” dell’Italia.

L’Austria di fronte a questi fatti chiese al Piemonte con un ultimatum di ritirare le truppe e, ricevendo un rifiuto, dichiarò guerra.(aprile 1859)

Come previsto Napoleone III scese in aiuto del Piemonte e l’esercito austriaco fu sconfitto a Magenta prima, poi a S.MartinoSolferino. In queste due battaglie il sangue versato fu tanto, da indurre lo svizzero Dunant a creare la Croce Rossa.
Anche Garibaldi ottenne numerose vittorie nella zona delle Prealpi e l’Austria fu costretta a lasciare la Lombardia.
Proprio mentre ci si accingeva ad invadere il Veneto, però, Napoleone III chiese l’armistizio: egli, vedendo che alcune città dell’Emilia e della Toscana insorgevano, temeva che il Piemonte si espandesse anche nell’Italia centrale; inoltre l’opinione pubblica francese non era favorevole alla guerra.

L’armistizio fu firmato a Villafranca nel luglio del 1859: 1) il Piemonte avrebbe ottenuto la Lombardia; 2) la Francia avrebbe annesso Nizza e la Savoia.

Nel 1860 in Toscana ed Emilia vennero indetti dei plebisciti e il popolo chiese l’annessione al Piemonte.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.