La prima guerra mondiale

Una delle cause della prima guerra mondiale è il desiderio degli Stati di conquistare nuovi territori e dimostrare la loro forza.

Questa guerra si dice mondiale perchè è combattuta in molti Paesi del mondo.Dura dal 1914 al 1918 e provoca la morte di milioni di persone.Gli Stati usano armi nuove come carri armati, mitragliatrici, aerei, sottomarini, gas asfissianti.

L’inizio della guerra

La guerra iniziò nel 1914, quando l’erede al trono d’Austria fu ucciso da un serbo.

L’Austria dopo questo fatto attaccò la Serbia aiutata dalla Germania.

Francia Inghilterra e Russia invece scesero in campo a fianco della Serbia.

L’Italia entrò in guerra un anno dopo, nel 1915, a fianco di Francia, Inghilterra e Russia. Il suo obiettivo era recuperare le regioni del Trentino Alto Adige e del Friuli Venezia Giulia.

La guerra venne combattuta in trincee scavate nella terra. I soldati passavano qui lunghissimi mesi al freddo, sotto la pioggia, con poco cibo.

I soldati italiani combatterono sulle Alpi contro l’Austria.

Il 1917 e la fine della guerra

Nel 1917 la Russia si ritirò dalla guerra, mentre gli Stati Uniti d’America decisero di entrare a fianco dell’Inghilterra, della Francia e dell’Italia.

L’Italia fu sconfitta duramente a Caporetto, ma in seguito riuscì a vincere nella battaglia di Vittorio Veneto.

La guerra finì nel 1918. L’Italia firmò l’armistizio il 4 novembre ed ancora oggi in questo giorno si festeggia la fine della guerra e si ricordano i soldati caduti.

La pace fu firmata a Parigi nel 1919:

  1. l’Italia ottenne Trentino e Friuli
  2. l’Impero austriaco venne diviso e nacquero Austria, Ungheria, Cecoslovacchia, Polonia e Iugoslavia.
  3. La Germania dovette dare molti territori alla Francia e alla Polonia e pagare una grossa somma di denaro.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.