La lotta per le investiture

Quando fu eletto papa Gregorio VII, egli scrisse il “Dictatus Papae”, una legge in cui si diceva che il papa è superiore a tutti, anche all’imperatore (1075).

Allora il nuovo imperatore, Enrico IV, riunì i vescovi tedeschi nella città di Worms e decise che papa Gregorio VII dovesse lasciare il suo posto.

Il papa allora scomunicò Enrico IV. Iniziò così una lunga lotta tra il papa e l’imperatore che continuò con i loro successori ed è chiamata “lotta per le investiture”, perchè entrambi volevano il diritto di nominare i vescovi – conti, cioè di dare loro l’investitura.

Quando Enrico VI fu scomunicato dal papa, molti nobili si ribellarono; allora egli fu costretto a chiedere perdono al papa. Scese in Italia e si fece ospitare dalla contessa Matilde nel castello di Canossa. Qui dovette aspettare tre giorni fuori dalle mura, inginocchiato nella neve, che il papa arrivasse e in questo modo ottenne il perdono.

Poco tempo dopo però l’imperatore andò a Roma, imprigionò il papa nella fortezza di castel sant’Angelo e nominò un antipapa, cioè un nuovo papa, dal quale si fece nuovamente incoronare.

Nel 1122 papa e imperatore firmarono il Concordato di Worms, un patto che stabiliva che:

  • in Italia il papa nominava i vescovi e poi l’imperatore assegnava loro i feudi
  • in germania l’imperatore sceglieva le persone più fidate e consegnava loro i feudi e poi il papa le nominava vescovi.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.