La Grecia dopo le guerre persiane

Dopo la vittoria sui Persiani, Atene e le città greche dell’Asia Minore formarono la lega delio-attica, per prevenire nuovi attacchi. Sparta invece preferì non partecipare.
Atene in questo periodo era guidata da Pericle, il quale rafforzò la classe mercantile, e si oppose a Sparta e ai suoi alleati.Egli diede impulso alla cultura, alle arti e, in politica, alla democrazia.

Col tempo Atene cominciò a considerare le altre città della lega come sottomesse. Ciò provocò malcontento e Sparta ne approfittò.
Scoppiò così la guerra del Peloponneso tra Sparta e Atene, che durò dal 431 al 404 a.C.

La guerra finì con la sconfitta di Atene, ma nessun’altra città riuscì a prevalere.
Nel frattempo a nord aveva acquistato potenza il Regno Macedone e il sovrano Filippo aspettava il momento favorevole per invadere la Grecia.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.