L’europa delle montagne

Le catene montuose europee si possono dividere in due gruppi: quello centro – settentrionale, più antico, con rilievi bassi, smussati e costellati da laghi, quello meridionale più recente, con forme aguzze e frastagliate.
La vegetazione cambia in base all’altitudine e alle precipitazioni. Si possono in genere distinguere quattro fasce salendo dal basso verso l’alto:

  1. bosco di latifoglie sotto i 1500 m
  2. bosco di conifere fino ai 2000 m
  3. pascoli oltre i 2000 m
  4. rocce nude

In montagna l’allevamento è diffuso sia per i bovini che per gli ovini e sfrutta i pascoli.
L’agricoltura produce frutta e viti.
La principale risorsa delle montagne è l’acqua che viene utilizzata per la produzione di energia idroelettrica; sui Carpazi e sugli Urali sono stati scoperti giacimenti di gas e petrolio.
Il turismo è attivo tutto l’anno: nella stagione estiva si possono effettuare escursioni, alpinismo e passeggiate a cavallo, in inverno si possono praticare sport invernali.
In alta quota si trovano piccoli villaggi con costruzioni di pietra e legno.
Nei fondovalle le città sono più grandi ed è sviluppato il commercio.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.