L’Italia nel ‘600

l’Italia nel ‘600 è divisa in tanti staterelli dominati per la maggior parte dalla Spagna.

Venezia: la Repubblica di Venezia ha un’economia fiorente. Oltre ai commerci sviluppa attività sulla terraferma: migliora l’agricoltura e inizia la coltivazione del gelso, con il quale si allevano i bachi da seta. Ben presto nascono e si diffondono i laboratori per la lavorazione della seta.

Il Regno di Savoia: dopo aver trasferito la capitale a Torino vuole espandersi in Italia.

Il Granducato di Toscana è in decadenza

lo Stato Pontificio: le campagne sono trascurate e i contadini muoiono di malaria; Roma invece si abbellisce sempre più con le opere dei migliori artisti

I domini spagnoli: il regno di Napoli e di Sicilia, il regno di Sardegna, il regno di Milano e lo Stato dei Presìdi appartengono alla Spagna. Gli Spagnoli considerano l’Italia una colonia da cui ricavare denaro e non si occupa né dell’agricoltura né delle manifatture. L’Italia si impoverisce sempre più, soprattutto al sud.

La Spagna governa l’Italia con tre vicerè e un governatore (a Milano) che hanno come compito quello di riscuotere le tasse. I funzionari spagnoli trattano la popolazione con prepotenza, si impadroniscono dei raccolti e delle merci e si arricchiscono sempre più. Regnavano corruzione ed ingiustizia.

Milano durante la guerra dei 30 anni era campo di battaglia. I soldati che passarono da Milano distrussero raccolti e villaggi e portarono la peste (1628-1630) aumentando la povertà del territorio.

Il popolo in tutta Italia cerca di ribellarsi:

A Napoli nel 1647 alcuni contadini capeggiati da Tommaso Aniello, deto Masaniello, insorgono contro gli spagnoli ma vengono fermati e Masaniello viene ucciso

nonostante questa situazione le città continuano ad abbellirsi. L’arte del ‘600 si chiama Barocco. Le sue caratteristiche sono il lusso e la grandiosità. Uno dei maggiori artisti è Lorenzo Bernini.

Consulta anche:

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.