Il nazionalismo

Con il colonialismo si diffuse tra le diverse classi sociali il nazionalismo, cioè l’idea che la propria nazione debba essere superiore alle altre, dimostrando la propria grandezza e imponendo il suo dominio.

Il colonialismo, che in realtà arricchiva solo la grande borghesia, venne presentato al popolo come un vantaggio per tutto il Paese, mentre i partiti socialisti che lo avversavano vennero accusati di essere nemici della patria.

Ben presto si sviluppò il razzismo nei confronti degli indigeni delle colonie. Esso era basato su questi punti:

  • esistono le razze
  • la razza migliore va protetta ed è destinata al comando, le altre razze vanno dominate e sottomesse
  • i popoli delle colonie privi di conoscenze tecnico – scientifiche sono inferiori e devono essere “civilizzati” anche con la forza.

Il diffondersi del razzismo in Europa portò anche a una nuova ripresa dell’antisemitismo, cioè dell’odio verso gli ebrei. Per secoli gli ebrei erano stati discriminati, ma a partire dalla Rivoluzione francese l’idea di uguaglianza aveva prevalso e gli ebrei erano stati assimilati ( integrati nella società).

Ora però riprendeva l’antisemitismo in tutta Europa e gli ebrei vennero accusati ingiustamente delle peggiori colpe. In Russia il governo massacrò la comunità ebraica con i pogrom, incendi e saccheggi dei villaggi.
Come conseguenza a questi fatti tra gli ebrei nacque il sionismo, un movimento che voleva il ritorno degli ebrei sparsi in tutto il mondo verso un’unica terra d’origine dove vivere: la Palestina.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.