Il monachesimo e i monasteri

Nel 529 d.C. Benedetto da Norcia fondò la comunità monastica di Montecassino. Nacque l’ordine dei Benedettini.

La regola era “ora et labora”, prega e lavora. I monaci ogni giorno si dedicavano alla preghiera e al lavoro sia manuale che intellettuale. Ognuno aveva un compito. I monaci che si occupavano di trascrivere le opere antiche si chiamavano amanuensi.

Chiunque poteva diventare monaco; prima però doveva svolgere un anno di “noviziato” in cui doveva dimostrare buona volontà.

I monasteri più grandi venivano chiamati abbazie ed erano governati da un abate.

I monasteri nel Medioevo erano importanti ed erano centri di cultura e di produzione (all’interno del monastero si produceva tutto ciò che era necessario, tranne il sale e le spezie).

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.