Il monachesimo e i monasteri

Nel 529 d.C. Benedetto da Norcia fondò la comunità monastica di Montecassino. Nacque l’ordine dei Benedettini.

La regola era “ora et labora”, prega e lavora. I monaci ogni giorno si dedicavano alla preghiera e al lavoro sia manuale che intellettuale. Ognuno aveva un compito. I monaci che si occupavano di trascrivere le opere antiche si chiamavano amanuensi.

Chiunque poteva diventare monaco; prima però doveva svolgere un anno di “noviziato” in cui doveva dimostrare buona volontà.

I monasteri più grandi venivano chiamati abbazie ed erano governati da un abate.

I monasteri nel Medioevo erano importanti ed erano centri di cultura e di produzione (all’interno del monastero si produceva tutto ciò che era necessario, tranne il sale e le spezie).

Lascia un commento


Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.