Il fascismo

In Italia, dopo la Pace di Parigi, crebbe l’insoddisfazione, perchè non erano state assegnate al Paese la Dalmazia e la città di Fiume. I nazionalisti parlavano addirittura di “vittoria mutilata”. Il poeta Gabriele D’Annunzio, nazionalista, occupò la città di Fiume nel settembre del 1919 dichiarandola italiana. Intervenne allora il governo, che in seguito a trattative con la Jugoslavia, ottenne che Fiume fosse prima dichiarata città libera e, in seguito, nel 1924, diventasse italiana.

Sul piano politico in Italia prese piede il Partito socialista, a cui si rivolgevano i lavoratori colpiti dalla crisi del dopoguerra. Nacquero anche nuovi partiti:

  • il Partito Popolare italiano di don Luigi Sturzo, che raccoglieva i cattolici e proponeva collaborazione e riforme
  • il Partito Comunista d’Italia, che fu fondato da alcuni socialisti guidati da Gramsci; essi dopo il fallimento delle lotte operaie del biennio rosso (1919/1920), si staccarono dal Partito socialista per portare avanti le loro idee di rivoluzione
  • i Fasci italiani di combattimento, guidato da Mussolini, che inizialmente non aveva un chiaro programma politico.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.