Il crollo dell’impero

Nel V secolo l’impero romano era in crisi perché: i Germani premevano ai confini e volevano stabilirsi nei territori romani; l’esercito era spesso formato da soldati mercenari; i nobili avevano lasciato la politica per ritirarsi in campagna.

Nel 395 l’impero fu diviso in due parti: l’impero romano d’Occidente con capitale Ravenna e l’impero romano d’Oriente con capitale Costantinopoli. In questo modo si pensava che sarebbe stato più facile amministrarlo e difenderlo dai Germani.

Nel 476, però, Odoacre, un generale dell’esercito romano di origine barbara, depose l’imperatore d’Occidente Romolo Augustolo, divenendo governatore d’Italia. In questa data, 476, crolla l’Impero romano d’Occidente e gli storici fanno iniziare il Medioevo.

Lascia un commento


Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.