Il crollo dell’impero

Nel V secolo l’impero romano era in crisi perché: i Germani premevano ai confini e volevano stabilirsi nei territori romani; l’esercito era spesso formato da soldati mercenari; i nobili avevano lasciato la politica per ritirarsi in campagna.

Nel 395 l’impero fu diviso in due parti: l’impero romano d’Occidente con capitale Ravenna e l’impero romano d’Oriente con capitale Costantinopoli. In questo modo si pensava che sarebbe stato più facile amministrarlo e difenderlo dai Germani.

Nel 476, però, Odoacre, un generale dell’esercito romano di origine barbara, depose l’imperatore d’Occidente Romolo Augustolo, divenendo governatore d’Italia. In questa data, 476, crolla l’Impero romano d’Occidente e gli storici fanno iniziare il Medioevo.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.