I settori dell’economia in Europa e in Italia (secondario)

Settore secondario:

L’industria è nata proprio in Europa, in Inghilterra,tra il 1750 e il 1850 circa. Questo periodo è chiamato Rivoluzione industriale, perchè la nascita delle fabbriche non solo ha modificato il modo di lavorare e di produrre, ma anche le abitudini di vita, i rapporti sociali delle persone, la struttura delle città, le vie di comunicazione… a partire da quegli anni l’industria si è diffusa poi in tutto il mondo e si è evoluta nel tempo. Oggi hanno particolarmente importanza i settori della tecnologia e dell’elettronica.

In Europa il settore secondario è molto sviluppato e assicura ogni genere di produzione. Vi sono: industrie di base: siderurgica e metallurgica (che lavorano i metalli), meccanica, chimica, petrolchimica

di trasformazione (leggere): tessile, alimentare, automobilistica, cantieristica (navi)

avanzate: elettronica, informatica, delle telecomunicazioni, aerospaziale, industria legata alla bioingegneria…

I Paesi europei sono molto industrializzati, soprattutto quelli dell’Europa occidentale, ma oggi il settore secondario deve affrontare la concorrenza dei paesi emergenti, cioè dei paesi che stanno avendo in questi anni un forte sviluppo industriale, come la Cina e l’India.

La concorrenza fa sì che chi riesce a produrre più merci a prezzi inferiori o di grande qualità riesce a venderle sui mercati di tutto il mondo. In questo modo chi produce a costi maggiori o con qualità inferiore è in difficoltà, perchè non riesce a vendere.

Per reggere la concorrenza servono disponibilità di materie prime a basso prezzo, personale specializzato e reparti di ricerca e formazione per migliorare sempre più la qualità.

In Italia esistono grandi imprese nazionali o multinazionali, ma anche tante piccole imprese locali.

L’industria è presente soprattutto al centro – nord, mentre a sud prevale l’artigianato.

L’artigianato “made in Italy” offre alta qualità nei settori della moda, del design, dei gioielli, dei mobili, della pelle e dei tessuti.

Consulta anche:

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.