I romani

Il popolo dei Romani si sviluppa nel Lazio, attorno alla città da essi fondata nel 756 a.C.: Roma.
All’inizio il governo è affidato ai re (monarchia).

La società è divisa tra patrizi (nobili) e plebei (gente comune). Ai margini della società vivono gli schiavi.

Nel 509 a.C. però, i re vengono scacciati e nasce la repubblica: il governo è affidato a due consoli aiutati da un’assemblea di anziani: il senato. Il potere è nelle mani dei soli patrizi (oligarchia).

Le lotte tra patrizi e plebei

In seguito, i plebei chiederanno di poter partecipare al governo: dopo varie lotte (secessione dell’Aventino) i plebei ottengono di poter avere proprie magistrature: i tribuni della plebe.

Da questo momento anche i plebei più ricchi possono accedere al potere e si formano tre nuove classi sociali:

  1. nobili: patrizi, plebei che hanno avuto in passato un membro della famiglia al Senato
  2. cavalieri: plebei ricchi
  3. plebei poveri e proletari (cioè persone che hanno solo i figli come bene)

Si formano in politica due partiti:

  1. gli ottimati ( che curano gli interessi dei nobili)
  2. i popolari ( che vorrebbero migliorare le condizioni della popolazione povera)

Tra i popolari bisogna ricordare Tiberio Gracco e Gaio Gracco, due fratelli che cercano di aiutare il popolo e per questo vengono uccisi durante sommosse organizzate dai nobili.

L’espansione di Roma in Italia

Nel frattempo Roma si espande nei territori circostanti (attua una politica imperialistica):

  • conquista l’Italia e la organizza in municipi (pagano tasse e forniscono soldati), colonie(hanno i doveri, ma anche i diritti dei cittadini romani) e città federate (alleate a Roma in caso di guerra).
  • conquista Sicilia, Sardegna, Corsica, Spagna e Africa settentrionale combattendo contro la città di Cartagine ( I^, II^, III^ guerra punica); conquista la Macedonia e la Grecia. Tutti questi territori, situati fuori dalla penisola italiana, diventano province di Roma.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.