Economia dell’india

Settore primario: si coltivano cereali (riso, frumento), nelle piantagioni si coltivano tè, cotone, canna da zucchero, caucciù, juta; si allevano bovini, ma per motivi religiosi viene utilizzato solo il latte. Molti terreni non vengono irrigati e ricevono acqua solo durante la stagione delle piogge.

Settore secondario: le risorse sono bauxite, manganese, ferro, che non vengono lavorati ma venduti ad altri Paesi. Ci sono tanti tipi di industrie: cinematografica (produzione di film a Mumbai), elettronica (a Bangalore),tessilechimica. La maggior parte delle industrie si trova a nord – est, a Mumbai e a Madras.

Settore terziario: il commercio con l’estero è ben sviluppato. Importante è la rete ferroviaria (treni) mentre le strade sono per metà non asfaltate. Calcutta, Mumbai e Madras sono porti importanti per il commercio. Ilturismo è sviluppato.

Lascia un commento


Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.