Economia dell’india

Settore primario: si coltivano cereali (riso, frumento), nelle piantagioni si coltivano tè, cotone, canna da zucchero, caucciù, juta; si allevano bovini, ma per motivi religiosi viene utilizzato solo il latte. Molti terreni non vengono irrigati e ricevono acqua solo durante la stagione delle piogge.

Settore secondario: le risorse sono bauxite, manganese, ferro, che non vengono lavorati ma venduti ad altri Paesi. Ci sono tanti tipi di industrie: cinematografica (produzione di film a Mumbai), elettronica (a Bangalore),tessilechimica. La maggior parte delle industrie si trova a nord – est, a Mumbai e a Madras.

Settore terziario: il commercio con l’estero è ben sviluppato. Importante è la rete ferroviaria (treni) mentre le strade sono per metà non asfaltate. Calcutta, Mumbai e Madras sono porti importanti per il commercio. Ilturismo è sviluppato.

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.