Alcune notizie sul Marocco

Il Marocco ( Al-Mamlaka al-Maghribiyya, “regno dell’occidente”) è uno stato della parte nord- occidentale dell’Africa, definita Maghreb. Deve il suo nome alla città di Marrakech.
Il Marocco è una monarchia costituzionale: l’attuale monarca è Mohammed VI.

La lingua ufficiale del paese è l’arabo, anche se il 40% degli abitanti parla il berbero; il francese è una seconda lingua diffusa ed è molto usato nell’amministrazione, nell’educazione superiore e nei commerci.

Storia:

Il Marocco faceva parte anticamente dell’Impero romano. Durante le invasioni barbariche fu occupato dai Vandali e in seguito dagli arabi che vi portano la religione islamica..

In epoca coloniale fu occupato dalla Francia e in piccola parte dalla Spagna. Durante la seconda guerra mondiale le truppe marocchine combatterono a fianco degli alleati.

Solo nel 1956 il Marocco ottenne l’indipendenza dalla Francia.

Il Sahara Occidentale è stato una colonia spagnola fino al 1976. Quando la Spagna si è ritirata il Marocco ha annesso il territorio. Tuttavia alcuni partiti indipendentisti rivendicano l’autonomia della regione.

Popolazione

In Marocco la maggior parte della popolazione vive a ovest della catena montuosa dell’Atlante. Casablanca è il più importante porto e centro commerciale e industriale.

La popolazione marocchina ha origine da due etnie distinte: i Berberi e gli Arabi. Nelle regioni pianeggianti e nelle grandi città vivono prevalentemente gli arabi, mentre nel Rif, sull’oceano, nell’Atlante e nel sud i berberi.

La popolazione straniera è costituita principalmente da francesi, spagnoli e italiani.

Le città principali sono Casablanca, Rabat, Fes, Marrakech, Agadir, Tangeri, Meknes

Religione

La maggior parte dei marocchini professa l’Islam, ma la legge di stato è laica e prevede anche leggi a tutela delle donne. I

Il suq

Il suq (o bazar) è il mercato cittadino. E’ formato da un intreccio di vie in parte coperte e in parte scoperte per mantenere al suo interno fresco e areato. Il riferimento del suq è la moschea e intorno ad essa si aprono i vari negozi. Si va dai negozi di candele e di oggetti di culto, vicini alla moschea, per passare via via allontanandosi, ai librai, ai merciai e per finire, nei pressi delle mura, ai negozi utili ai carovanieri.

Curiosità:

In Marocco ci sono diversi strumenti musicali tipici: il rebab, uno strumento ad arco, l’oud, uno strumento con le corde a manico corto, il qanun, una specie dicetra trapezoidale, e vari strumenti a percussione.

La cucina marocchina ha come base il cibo tipico dei nomadi (pecora, verdure e datteri). Tipico piatto è il cuscus. Lungo la costa è possibile gustare il pesce. In ogni strada è facile trovare venditori di fichi d’India e datteri. Tipici dolcetti marocchini sono le “corna di gazzella” con mandorle e fiori d’arancio. La bevanda tipica del Marocco è il tè alla menta che ha anche un suo tipico rito di preparazione.

Le feste principali in Marocco hanno date precise, alcune coincidono con feste italiane:

  • 1º gennaio: capodanno
  • 1º maggio: festa del lavoro
  • 30 luglio: incoronazione Mohammed VI
  • 20 agosto: Rivoluzione
  • 21 agosto: festa della gioventù
  • 6 novembre: anniversario marcia verde
  • 18 novembre: festa dell’indipendenza

I Berberi

I Berberi, sono gli abitanti originari del Nordafrica.

Possiedono una loro lingua e una loro scrittura, conservata tradizionalmente solo dai Tuareg.

I Berberi sono poco considerati dai Governi dei vari paesi, e, viste anche le diverse caratteristiche somatiche, sono considerati quasi stranieri nella loro stessa terra.

L’abito più caratteristico per gli uomini è il burnus, un ampio mantello di lana con cappuccio, mentre l’abbigliamento dei tuareg è molto diverso ed è caratterizzato da un velo spesso di colore blu che copre la bocca e gran parte del volto, lasciando liberi solo gli occhi.

Tipici esempi di costruzioni berbere sono il ksar e la qasba (o kasbah). Il ksar è un villaggio fortificato cinto da un muro, con quattro torri e con una sola entrata che porta alla via principale, normalmente coperta. Il muro di cinta è costruito con terra nella parte inferiore, mentre è di mattoni nella parte superiore.Finestre strette e lunghe consentono insieme l’ingresso della luce e una buona difesa da potenziali nemici. La qasba è simile al ksar, ma non ha funzioni difensive e ha colori intensi e torri decorate.

Berberi famosi sono Isabelle Adjani e Zinedine Zidane

Lascia un commento


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.